LE SUPPLICI

Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con caratteri medi Visualizza il testo con caratteri medi

Martedi 23 maggio 2017 ore 19.00 TEATRO POLITEAMA - NAPOLI,  IL LABORATORIO DI TEATRO CLASSICO del  LICEO CLASSICO “JACOPO SANNAZARO” ha presentato le " SUPPLICI " da Eschilo

Il Laboratorio di Teatro Classico del Liceo Sannazaro, ideato e condotto dalla pro?ssa Giovanna Senatore e dal prof. Dino Montanino é giunto al suo ottavo anno di vita ed ha consolidate la sua identità configurandosi come luogo privilegiato di ricerca e di sperimentazione. Ragazze e ragazzi di classi diverse si incontrano per leggere, discutere e realizzare forme di scrittura orientate alla scena; si misurano con esperienze laboratoriali di espressione corporea, di uso della voce, di occupazione dello spazio. Non si limitano a studiare un testo teatrale: lo attraversano, imparano a conoscerlo, a scompaginarlo, a cogliere tutte le suggestive sfaccettature che la tragedia attica offre al lettore moderno. Tutto al ?ne di costruire una drammaturgia nuova, originale, pronta a misurarsi con un pubblico moderno. Un teatro della souola radicato nella tradizione e capace di guardare avanti. Un’esperienza in grado di confermare quanto i rniti del mondo classico, non solo fondano la nostra identità ma contengono una forza in?nita, generano trame narrative originali, pongono domande, sollevano dubbi.
Il lavoro di quest’anno propone la rilettura delle Supplici di Eschilo. La tragedia faceva parte di una trilogia (le cui altre opere sono andate perse) comprendente Gli Egizi e le Danaidi; si apre con l’arrivo delle Danaidi ad Argo che si raccolgono nel sacro recinto, luogo inviolabile di asilo. Il re Pelasgo, e indeciso, ma, come sappiamo, per i Greci l’ospitalità era sacra, quindi egli consulta il popolo e le Supplici vengono accolte. Mentre le fanciulle intonano un canto di riconoscenza, il messo informa dello sbarco degli Egizi, arrivati per rapire le Danaidi. Pelasgo si oppone pre?gurando un inevitabile scenario di guerra.
La tragedia propone un tema di grande attualità, quello dell’ospitalità e dell’accoglienza; Pelasgo appare come un sovrano illuminato, ma nella tragedia, la decisione del re é sostenuta e condivisa con l’assemblea cittadina. Non é il re da solo a decidere ma tutto il popolo di Argo che apre le porte delle case alla moltitudine di donne giunte dal mare per sfuggire la violenza di matrimoni imposti.
“E voi fatevi coraggio e andate nella città ben difesa. Quanto alle case, ce ne sono molte di proprietà pubblica: le potrete abitare comodamente, assieme ad altri. Ma se invece preferite, potrete abitare in case singole, per voi sole. Sarete protette da me e da tutti i cittadini di Argo che con il loro voto hanno deciso di accogliervi.” Queste sono le parole di Pelasgo che, nel finale della tragedia,vengono rivolte dal re alle supplici. Siamo sicuri che il testo sia stato scritto nell’Atene del V secolo a. C.?

LOCANDINA

   

   

   

  

   

   

 

 

 


Allegati

Non sono presenti allegati in questa pagina

Contatti

Contatore Visite